“A farla amare”, festa popolare con Nakalaika e Neri per Caso

©_ANGELO_TRANI
 Un messaggio di pace e di condivisione, un inno all’amore e al rifiuto di ogni forma di violenza per ribadire con forza, attraverso la musica e il teatro, che “si può amare da morire ma morire d’amore no”. Nella serata di ieri di migliaia di persone si sono ritrovate nei vicoli del centro storico di Catanzaro per assistere agli spettacoli itineranti offerti dalla seconda edizione della Nakalaika, la processione laica e artistica che ha chiuso con grande successo il cartellone di “A farla amare comincia tu”.

La rassegna ideata e diretta da Antonio Pascuzzo che dal 20 al 30 dicembre ha scandito le festività natalizie con una serie di produzioni originali e appuntamenti musicali gratuiti con ospiti d’eccezione come LuLa Pena, Alessandra Tumolillo, CiaoRino, Hoodoo Doctors & The Kazoompet Machine e Alan Sorrenti, si è conclusa con una grande festa popolare e il concerto dei Neri per Caso in Villa Margherita.

Dalle ore 18 migliaia di persone si sono radunate nel piazzale del Complesso Monumentale del San Giovanni e hanno seguito il percorso a tappe tracciato da Enzo Colacino nelle vesti di Giangurgolo insieme alla Ottopiù Marching Band. La processione ha abbracciato la città, nel cuore del suo centro storico attraversando il quartiere De’ Cóculi fino a la Vaddhótta, a Largo Agricoltori dove ha avuto luogo l’intensa interpretazione dell’attrice Claudia Olivadese che ha messo in scena lo spettacolo “FM”, una performance che parla la lingua delle storie d’amore, “che sono le mura più alte e poderose della poesia e al tempo stesso l’invalicabile prigione dalla quale nessuno esce vivo”. Perché “non finisce mai la mattanza delle femmine”. Una grammatica della vita e un’aritmetica della morte.

La processione è poi risalita dal quartiere del Carmine. Ad attendere nella villa comunale la carovana di persone guidate dalla Maschera calabrese Giangurgolo e dalla Ottopiù Marching Band, un’atmosfera magica caratterizzata dalla presenza, a cura del Teatro Necessario di Parma, del “la Dinamica del Controvento”, ″un’installazione di ferro, vecchi libri e damigiane, il cui meccanismo è concepito come una delle giostre del tempo che fu, ma con un magico potere in più: portare la musica classica per le strade, le piazze, le fiere, i festival e gli eventi nello spazio pubblico di tutta Italia, coinvolgendo e affascinando spettatori di tutte le età″. Il carosello musicale ha accolto il pubblico del suo breve concerto per pianoforte su un tappeto da Le mille e una notte, che gira a mezz’aria, sospinto dalla melodia di alcuni celebri brani che hanno fatto la storia della musica.
Sempre in villa Margherita, sono state le esibizioni declinate sul tema della violenza di genere di Antonio Pascuzzo, accompagnato alla tastiera da Mario Dovinola, di Eman, accompagnato alla chitarra da Daniele Greco, e di Ivan Colacino a scaldare e ad emozionare il numeroso pubblico prima dell’arrivo dei Neri per Caso. Il concerto dello storico gruppo ha chiuso in bellezza una grande festa popolare che ha l’ambizione di diventare un appuntamento fisso per la comunità catanzarese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


14 − 8 =